Come aprire un agriturismo: la guida

aprire un agriturismo

Aprire un agriturismo potrebbe essere l’inizio di un successo… è bellissima l’idea di creare un’atmosfera semplice e rilassante per gli ospiti che vi soggiornano, un po’ come una casa dove stare momentaneamente.

Concedere il contatto diretto con la natura, cibi sani e genuini, un rapporto amichevole, è tipico nella progettazione di un agriturismo da favola! La maggior parte di questi, comprende piatti a base di verdure fresche e frutti gustosi ottenuti direttamente dalle fattorie.

Inoltre, un buon agriturismo offre camere e servizi inclusi come TV, aria condizionata, connessione Internet e molto altro ancora… Quindi, è gradito tutto quello che partecipa a presentare un soggiorno confortevole, anche se ci sono vari tipi di agriturismi, ovvero sia quelli molto semplici e rustici, che l’agriturismo molto ricercato nell’arredamento.

Tuttavia, se il vostro sogno è di “aprire un agriturismo”, è necessario possedere requisiti fondamentali, tra cui quella di possedere già un terreno e/o un immobile in una zona rurale o montana, dove appunto accogliere il vostro agriturismo.

Qui di seguito troverete tutte le informazioni fondamentali per poter aprire un agriturismo.

Come aprire un agriturismo

Innanzitutto, c’è da sapere che una figura molto importante all’interno dell’agriturismo è quella dell’imprenditore agricolo professionale. Ogni attività agrituristica nel nostro paese, è disciplinata dalla Legge Quadro numero 96 del 20 febbraio 2006, la quale stabilisce che:  Possono definirsi “agriturismi” solo quell’insieme di attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli. Dunque, significa che il titolare dell’agriturismo, oltre all’affitto di alloggi o camere, deve svolgere anche attività di coltivazione, allevamento di animali o altre operosità di tipologia agricola.

Possono essere addetti all’attività agrituristica l’imprenditore agricolo e i suoi familiari ai sensi dell’articolo 230-bis del codice civile, nonché i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, determinato e parziale.

La legge non stabilisce limiti specifici riguardanti le dimensioni di un’attività agrituristica: pertanto possono vigere agriturismi con un grande numero di alloggi/camere, così anche piccole strutture agrituristiche con 1 o 2 soluzioni abitative. Esiste l’obbligo di dare comunicazione di apertura e chiusura dell’agriturismo al Comune di appartenenza, ma non esistono limiti particolari per quando riguarda i periodi di apertura, questo significa che il vostro agriturismo può aprire e chiudere in qualsiasi periodo dell’anno.

Per avviare un agriturismo, è necessaria l’autorizzazione rilasciata dal Comune, ma non esiste un iter amministrativo unico per ottenere quest’ autorizzazione, poiché ciascuna Regione fissa le procedure e i documenti necessari in autonomia. Inoltre, gli adempimenti necessari per l’apertura di un agriturismo sono: apertura della partita Iva, conto fiscale, iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, iscrizione al registro regionale degli operatori agrituristici, autorizzazione del sindaco per lo svolgimento dell’attività, I.n.p.s. e I.n.a.i.l., autorizzazione dei Vigili del Fuoco, autorizzazione per l’installazione delle insegne e dei cartelli segnaletici stradali, libretto di idoneità sanitaria, autorizzazione sanitaria per i locali, tassa sui rifiuti, iscrizione alle associazioni di categoria.

Gli elementi distintivi che deve avere un agriturismo

In genere, le principali attività proposte da un agriturismo sono:

  • Affitto di alloggi ( camere, appartamenti, bungalow e piazzole per campeggio).
  • Servizi di ristorazione impiegando sostanzialmente i prodotti della propria azienda, oppure la degustazione dei tipici prodotti locali caratterizzati dai marchi DOP, IGP, IGT, DOC e DOCG o compresi nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali.
  • L’organizzazione anche all’esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell’azienda di attività ricreative, culturali, didattiche, di pratica sportiva nonché escursionistiche, anche per mezzo di convenzioni con gli Enti locali, finalizzate alla valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale.
  • Particolare attenzione è posta invece al tipo di locali impiegati per lo svolgimento di attività agrituristiche. Difatti, la legge dice che si possono adoperare: “Locali siti nell’abitazione dell’imprenditore agricolo ubicata nel fondo, nonché gli edifici o parte di essi esistenti nel fondo e non più necessari alla conduzione dello stesso”. Qualora si necessita di lavori di restauro negli edifici, la legge stabilisce che suddette opere siano attuate rispettando “le caratteristiche tipologiche ed architettoniche degli edifici esistenti e nel rispetto delle caratteristiche ambientali delle zone interessate”.
  • Ovviamente, ogni regione definisce e distingue l’attività agrituristica mediante appositi provvedimenti legislativi accompagnati da regolamenti attuativi. Anche i requisiti igienico-sanitari degli immobili e delle attrezzature da utilizzare per attività agrituristiche sono stabiliti dalle regioni. Nella definizione di tali requisiti si tiene conto delle particolari caratteristiche architettoniche e di ruralità degli edifici, specie per quanto attiene l’altezza e il volume dei locali in rapporto alle superfici aeroilluminanti, nonché delle limitate dimensioni dell’attività esercitata.
  • Per quanto riguarda le tariffe,  entro il 31 ottobre di ciascun anno, in base la procedura stabilita dalla regione, i soggetti che esercitano l’attività agrituristica presentano una dichiarazione contenente l’indicazione delle tariffe massime riferite a periodi di alta e di bassa stagione, che si impegnano a praticare per l’anno seguente.

Guide di approfondimento

Chiudiamo con la segnalazione di un paio di guide interessanti sull’argomento, per chi volesse approfondire:

  1. https://mondo-prestiti.it/lavori-e-concorsi/quanto-costa-aprire-agriturismo/
  2. https://www.ilsole24ore.com/art/food/2016-10-28/vuoi-avviare-agriturismo-ecco-cosa-serve-iniziare-134953.shtml?uuid=AD9GFElB
  3. https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20130404153641AAy8vVG

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*